La Nascita

È dalla passione per il motociclismo che nasce l’idea di creare una Hospitality per Team e Piloti del Motomondiale. È l’amore per questo sport che porta Severino Ridolfi a dedicarsi sin da giovane al mondo delle due ruote, realizzando molteplici manifestazioni, collaborando alla fondazione di un moto club nella propria città e partecipando all’attività della Federazione Motociclistica Regionale per oltre due decadi. Severino dedica tanti anni all’azienda di famiglia, sino a quando, nel 1993, decide di dedicarsi alla sua passione, avvicinadosi al mondo dei motori. Acquista un pullman per gestire l’Hospitality di un team locale che gareggia nel Campionato Europeo di Motociclismo, all’interno del quale corre un giovanissimo pilota alle prime armi, Valentino Rossi! Nello stesso anno Severino si accorge che sono tanti i Team che necessitano di un servizio di ristorazione, così decide di prendere la situazione in pugno e crea “Severino By Hospitality”.

La Svolta

Utilizzando esclusivamente prodotti di qualità, e con una cucina dallo stile casalingo, Severino raggiunge in poco tempo il successo ottenendo un ruolo di tutto rispetto all’interno del Paddock. Nel 1996 al Gran Premio di Assen, in Olanda, la sua pasta ed i suoi arrosti arrivano sulla tavola di personaggi illustri. Successivamente gli viene offerto di gestire l’Hospitality per il “Team Yamaha Marlboro” direttamente dal manager Wayne Rainey!  Entra poi nell’attività anche il figlio Daniele assieme alla fidanzata Isabella; il loro ingresso realizza in tutto e per tutto un vera e propria azienda familiare all’interno del motomondiale: Severino e la moglie Pia in cucina, Daniele e Isabella in sala. Severino by Hospitality trasporta tutto il materiale necessario con grandi automezzi, viaggiando per tutti i Paesi Europei. Gli autoveicoli disposti per la stagione 2013 sono quattro: 2 Autoarticolati da 16 m (TIR), 1 Camion da 12 m e 1 Furgone da 5 m. Personalizziamo gli autoveicoli con decorazioni delle aziende collaboratrici e sponsor.

Nel 2017 l’hospitality si amplia ulteriormente e nasce il concept Domus Severino: con un patio centrale “open” e tre lati coperti, il ristorante prende la forma di un’antica casa romana, simbolo di accoglienza e italianità. Severino & Son Hospitality diventa inoltre cucina ufficiale anche dei team Gresini, Tech3 e Simoncelli (a cui ha affidato la vecchia hospitality).